La chiesa Frankenstein della città-condominio

San Giuliano Milanese, piazza della Vittoria. Ogni dieci minuti sopra la testa sfreccia un aereo in atterraggio. Nel cielo si creano quegli incroci di scie che, ai nostalgici della Scozia come il sottoscritto, evocano la leggenda di re Angus.

Un severo ed essenziale edificio giallo reca in facciata la severa ed essenziale insegna “asilo infantile” (sotto la quale è stata riesumata una data: A. XVI E.F.). Oggi tra quelle mura si trova la sede di un centro anziani.

La società invecchia, gli edifici si adeguano.

SAN GIULIANO MILANESE. EX ASILO INFANTILE, TORRE LITTORIA ED EDILIZIA CARATTERISTICA
EX ASILO INFANTILE, ORA CENTRO ANZIANI. PARTICOLARE

La torre littoria continua a sovrastare lo spazio urbano, anche se tutta la retorica con cui fu pensata si confonde ormai tra la selva di palazzi che costituiscono questa città-condominio alle porte della metropoli.

IN PIAZZA DELLA VITTORIA TUTTO PARE SEVERO ED ESSENZIALE, ALL’INFUORI DI UNA CHIESA DALL’ASPETTO BAROCCO

Sul lato opposto l’edificio severo ed essenziale con la scritta “municipio” ospita in realtà la Biblioteca civica. La casa comunale ha trovato posto in una nuova scatola grigia, poco lontano.

Tornando in piazza, in mezzo tra i due lati sopra descritti si trova una dinamica facciata, impreziosita da riccioli, figure di santi, cornici, giochi di colonne e lesene. Il preludio alla barocca chiesa parrocchiale? Meglio controllare.

CHIESA DI SAN GIULIANO MARTIRE, FACCIATA
CHIESA DI SAN GIULIANO MARTIRE, ABSIDE

Superato l’ingresso, la prima campata, come da programma, presenta volte a crociera e ricchi altari. Qualche passo ancora e i volumi cambiano completamente linguaggio. Severe ed essenziali travi grigie e volumi squadrati creano uno spazio non esattamente rispondente all’estetica barocca.

VARCATO L’INGRESSO, SCOPRIAMO CHE FACCIATA E CORPO DELLA CHIESA PARLANO DUE LINGUE DIVERSE

Alcune linee all’inizio della navata si muovono con una certa originalità. Dopodiché sembra che chi progettò questa nuova parte dell’edificio avesse perso l’ispirazione.

CHIESA DI SAN GIULIANO MARTIRE, INTERNO

La chiesa Frankenstein è il risultato di rifacimenti dell’antica parrocchiale di San Giuliano Martire, a più riprese demolita e trasformata nel corso del ‘900, preservandone appunto la facciata e una campata.  I gusti cambiano, le chiese si adeguano.

Lorenzo Crola

10 pensieri riguardo “La chiesa Frankenstein della città-condominio

  1. Ciao che bell’articolo dettagliato nella descrizione del luogo e sempre come è nel tuo stile incorniciato dalle tue belle foto. La foto dell’interno della Chiesa è davvero molto bella, bravo complimenti continua così e non mollare mai, sarebbe un vero peccato. Buona giornata

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: