Quanti “Strega” vi ricordate?

Riuscireste  a elencare cinque romanzi che hanno vinto il premio Strega, indicando per ciascuno titolo e nome dell’autore (completi)?

Mi è capitato di dover svolgere questo esercizio partecipando a un concorso pubblico per bibliotecario (una professione che mi ha sempre affascinato e che sto tentando di intraprendere).

Forse perché non tutti i capolavori vincono lo Strega (quindi sorge il dilemma: glielo avranno dato o no?), forse perché non do così tanta importanza ai premi e anzi normalmente evito “il libro del momento”, forse perché in questi tempi dominati dal Covid ho un po’ trascurato giornali e telegiornali, sta di fatto che la domanda mi ha provocato qualche difficoltà.

UN PO’ PER L’ANSIA DA CONCORSO, UN PO’ PER IL PERIODO DI “ISOLAMENTO INFORMATIVO”, LA MIA AMNESIA SUI VINCITORI DEL PREMIO STAVA PER FARMI UN BELLO SCHERZO

Alla fine sono riuscito a formare una stentata cinquina e avrei avuto problemi a individuare un sesto titolo.

Confrontandomi con gli altri candidati ho notato che, pur essendo tutti appassionati lettori, l’imbarazzo è stato comune.

Ecco le opere che mi sono venute in mente:

  1. Sebastiano Vassalli, “La chimera” (l’autore del cuore, non potevo che partire da lui)
  2. Alessandro Barbero, “Bella vita e avventure di Mr. Pyne gentiluomo” (Barbero è Barbero…)
  3. Sandro Veronesi, “Caos calmo” (di cui mi sono ricordato per via del film, lo ammetto)
  4. Giuseppe Tomasi di Lampedusa, “Il Gattopardo” (anni fa avevo approfondito l’eccezionale clima culturare nell’Italia di fine anni ’50, notando anche chi si aggiudicava il premio Strega)
  5. Antonio Pennacchi, “Canale Mussolini” (credo di essermi appigliato alla memoria visuale della copertina munita di fascetta: “Premio Strega 2010”)

Mi scuso con Alessandro Barbero per aver storpiato il suo “Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle gentiluomo”. Abbia pazienza, professore. Cosa vuole: quel titolo così wertmülleriano, l’ansia da concorso…

Notare che non mi è venuto in mente neppure “Il nome della rosa”, su cui qualche mese fa avevo pure scritto un articolo.

E voi, di quale premio Strega non vi sareste dimenticati?

Vi affidate ai premi letterari?

Lorenzo Crola

L’articolo che avevo dimenticato di aver scritto:

https://phileasfogg2020.com/2020/12/18/i-40-anni-del-nome-della-rosa-in-un-mondo-di-biblioteche-chiuse/

38 pensieri riguardo “Quanti “Strega” vi ricordate?

  1. Io è già tanto se mi ricordo che lo Strega è un liquore 😁 scherzo dai, comunque non immaginavo potessero chiedere una cosa del genere, non lo trovo molto corretto. Un conto è conoscere libri e autori, altra cosa è sapere quali premi abbiano vinto. Capisco che siano riconoscimenti importanti per l’autore ma addirittura da farne oggetto di domanda a un concorso mi pare fuori luogo. In generale non seguo molto le indicazioni dei premi, possono anche a volte azzeccarci ma non necessariamente premiano il miglio libro. E, sempre in generale, non sono così sicura che siano scevri da interessi e favoritismi. La risposta sintetica alla tua domanda invece è: al momento nessuno 😰

    Piace a 1 persona

    1. Diciamo che nei concorsi permane del nozionismo. Per fortuna ci sono anche domande pratiche e, a volte, stimolanti. Penso che qualunque bibliotecario avrebbe dovuto fare una ricerca per rispondere esattamente, anche solo per verificare nomi e titoli. Confrontarmi con gli altri candidati mi ha fatto sentire un po’ meno ignorante.
      Quanto ai premi, sì, hanno i loro pro e contro… quindi giustamente siamo liberi di tenerne conto o meno

      Piace a 1 persona

  2. Ragionandoci un pochino mi sarebbero venuti in mente gli ultimi 3 titoli che hai citato anche tu + “Acciaio” di Silvia Avallone (e a citare quest’ultimo titolo avrei sbagliato, perché arrivò secondo). Di primo acchito invece mi è venuto in mente solo “Jack Frusciante è uscito dal gruppo” di Enrico Brizzi, e qua l’errore sarebbe stato doppio: infatti il romanzo non ha vinto ma è solo arrivato in finale, e non per il premio Strega ma per il premio Campiello. In seguito Enrico Brizzi ci ha regalato almeno un altro capolavoro (“Tu che sei di me la miglior parte”): se non l’hai letto, te lo consiglio caldamente.

    Piace a 1 persona

    1. Grazie per il consiglio. “Jack Frusciante” è stata una lettura per obbligo scolastico e, a ben vedere, dovrei riprendere anche quello.
      In effetti anche i secondi classificati e gli altri titoli della cinquina nonché i vincitori degli altri premi sono causa di confusione. Un vero rompicapo…
      Devo dire che ho sempre provato una certa simpatia per il premio Asti d’appello, che mette in gara appunto tutti i secondi classificati

      "Mi piace"

  3. Pensa che io, pur leggendo molto e pur dedicandomi, a volte, all’editing letterario, non avrei saputo elencare i 5 titoli richiesti. L’unico che mi sarebbe venuto in mente sarebbe stato “La grande sera” di Giuseppe Pontiggia, premio Strega del 1989, perché l’ho letto due anni fa.
    Il problema è che non attribuisco quasi nessun valore ai premi, perché non sempre vengono attribuiti a bei romanzi, anzi. Però il tuo post mi è stato utile, perché così andrò a ripassarmi i premi Strega degli ultimi decenni. 😉

    Ciao e buona domenica.

    Piace a 1 persona

  4. Non avrei dimenticato Dino Buzzati, con Sessanta racconti… perchè Dino Buzzati è forse lo scrittore italiano che preferisco. Per il resto Umberto Eco, Elsa Morante… non mi affido quasi mai ai Premi per la scelta di un libro, però.

    Piace a 2 people

      1. Esattamente. In realtà no, mi capita di citarlo più parlando, però non ho dubbi che prima o poi la inserirò in qualche articolo 🙂 per esempio i siti culturali senza visitatori mi sembrano un po’ la fortezza Bastiani, magari con tutto il loro apparato per l’accoglienza e la manutenzione, ma senza che servano realmente a qualcosa

        Piace a 1 persona

  5. La Chimera di Vassalli è l’unico che ho letto di quelli che hai citato. Un libro veramente toccante, che ricordo come se fosse oggi nonostante siano passati ormai 10 anni dalla lettura. Consigliatissimo agli amanti del medioevo e non solo

    Piace a 1 persona

      1. ahahah beh non ho vinto, ma comunque ho visto che i voti di tutt* erano bassini, quindi mi sono sentita nella media. Ho toppato alla grande con informatica, cosa per cui ancora adesso mi mordo le mani. Per il resto era una commissione molto molto tranquilla. La parte di inglese era facile (per te dev’essere stata una bazzecola) e in generale era un ambiente rilassato…e poi se si liberano altri posti in comuni vicini potrebbero sempre tener conto della graduatoria 🙂

        Piace a 1 persona

      2. Guarda ero parecchio agitata, quindi ho parlato solo con la ragazza prima di me e non mi ricordo neanche il suo nome! Appena finito il colloquio sono praticamente corsa via perché iniziava a diluviare/grandinare…Comunque sì, c’è sempre la graduatoria !!!In bocca al lupo!

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: